PAESE A RISCHIO IDROGEOLOGICO E SI CEMENTANO LE CADITOIE

In primo piano

Abbiamo notato nell’ultimo anno la tendenza a cementificare le caditoie per la raccolta delle acque meteoriche installate su alcune strade.
Vorremmo ricordare a qualche amministratore di maggioranza distratto che le stesse sono opere necessarie per ridurre gli allagamenti e sono state realizzate con finanziamenti regionali per la messa in sicurezza della zona abitata dal rischio idrogeologico.
Andrebbero, pertanto, correttamente riparate e manutenute, non eliminate.
Piuttosto, come pure richiesto a più riprese con interpellanze dal consigliere di opposizione Davide Del Re, bisognerebbe pulirle.
È appena il caso di sottolineare che nel 2015 furono scongiurate dalla amministrazione Lionetti le pericolose vasche di cemento, intervenendo prioritariamente sul canalone e realizzando le caditoie per raccogliere e convogliare le acque.
Ora qualche “scienziato” pensa bene di tombarle!
Sono mesi che non piove nella nostra Regione ed il rischio di avere abbondanti precipitazioni è molto elevato, si immaginino le relative conseguenze.
Ci auguriamo azioni utili volte ad implementare il sistema di protezione idraulica e iniziative concrete per migliorare la sicurezza sotto ogni aspetto e non scelte approssimate.

“Tengo famiglia”, “tanto paga Pantalone …”

Immaginiamo sia la vera giustificazione che ha motivato ALL’UNANIMITA’ la decisione di concedersi ricche prebende da parte dei Consiglieri Regionali pugliesi. Dal PD a FDI del nostro concittadino Ignazio ZULLO, tutti insieme reintroducono la indennità di fine mandato con un costo stimato per le casse regionali di oltre quattro milioni di euro. Indennità abolita con Vendola nel 2012, a distanza di nove anni ritorna con gli arretrati a far data dal 2013 e a carico del bilancio regionale!
Qualcuno informi i Consiglieri Regionali circa le enormi difficoltà economiche che vivono i cittadini pugliesi, molti e troppi dei quali “spaccano il centesimo” solo per soddisfare i loro bisogni primari. Leggere di questi provvedimenti adottati quasi “furtivamente” prima della meritata(?) pausa estiva ha un gusto amaro, difficile da capire e tantomeno da spiegare.
Per dirla con Totò: “Ccà nisciuno è fesso”!

Deriva sociale? No, DERIVA AMMINISTRATIVA!

Ci risiamo. A voler prestar fede a quanto riportato da organi di stampa locale circa dichiarazioni di autorevoli esponenti di questa fallimentare amministrazione , le responsabilità per il mancato decoro della nostra cittadina sono imputabili sempre agli altri; tra chi versa il diserbante per far seccare gli alberi, chi sabota la fontana, chi sottrae gli irrigatori nei giardini comunali e altri episodi similari, c’è chi pensa che si sia arrivati alla “deriva sociale”.
Magari adesso aspettiamo che prenda fuoco il giardino retrostante la scuola elementare di via Convento, procurando anche danni alle abitazioni o all’edificio stesso, per pensare poi a fantomatici piromani che ampliano la deriva sociale.
Ma perché non ci si interroga sulle cause che possano aver generato questo fenomeno? Mancanza di controlli, mancanza di sanzioni, mancanza di programmazione. Insomma siamo arrivati alla “DERIVA AMMINISTRATIVA”!
Basta cercare sempre capri espiatori per nascondere le proprie manifeste incapacità!
ANTOINE DE SAINT-EXUPERY scriveva: “È il tempo che tu hai perduto per la tua rosa che ha fatto la tua rosa così importante.” Speriamo che la nostra rosa riesca sopravvivere altri pochi mesi.

Villaggio del Fanciullo: perchè non si sono attivati?

Un altro pezzo di storia cassanese è andato via. Sta per essere venduto all’asta l’ex VILLAGGIO DEL FANCIULLO, edificio storico per la nostra cittadinanza, che ben conoscono quanti sono cresciuti frequentando lì la scuola dell’infanzia paritaria. Una realtà realizzata da Don Battista Armienti al servizio dei suoi concittadini.
Questa amministrazione era già stata sollecitata a fine agosto2017, tramite un’interpellanza dal Consigliere Davide Del Re, a riprendere i dialoghi con gli uffici dell’Agenzia Nazionale per i Beni Confiscati per far sì che l’immobile venisse affidato al patrimonio comunale. A questa interpellanza il Sindaco rispose asserendo che erano già stati presi contatti con l’ufficio preposto e che il 26 settembre 2017 avrebbero approvato in Giunta la manifestazione d’interesse per l’immobile.
Cosa ha realmente fatto la Giunta Comunale? La notizia che il demanio ha messo all’asta l’immobile, probabilmente ci da una chiara risposta. Il nostro paese diventa sempre più povero.

Tina Anselmi, il 29 luglio del 1978 prima donna Ministra

Un doveroso omaggio a Tina Anselmi, donna e politica straordinaria. Partigiana, sindacalista, deputata dal 1968 al 1992, il 29 luglio del 1978 fu designata quale Ministro del lavoro e della previdenza sociale. Prima donna in Italia a ricoprire la carica di Ministra. A lei si deve una delle più importanti riforme italiane: l’istituzione del Servizio Sanitario Nazionale. Instancabile il suo impegno a favore della parità di genere; a lei si deve la legge sulle Pari Opportunità. Nel ’77 fu tra i primi firmatari della legge che apriva alla parità salariale e di trattamento nei luoghi di lavoro per l’abolizione delle discriminazioni di genere tra uomo e donna, tema ancora insoluto ai nostri giorni.

Credente ma laica, nel 1978 firmò, in qualità di Ministro della Salute, la legge 194 per l’interruzione volontaria della gravidanza

Centro storico: storia, cultura, valorizzazione: il video dell’iniziativa

“Le persone che lavorano insieme in una comunità forte con un obiettivo condiviso e uno scopo comune possono rendere possibile l’impossibile.”
                                                                                              -Vilsak-

Si ringrazia:


E. Battista – Coord.Circolo PD Cassano delle Murge
L. Palmisano – Sociologo – Presi. Radici Future
M. Albenzio – Ass. Centro Storico
A. Barberio – Associazione Cercasi un Fine
R. D’Ambrosio – Associazione Cercasi un Fine
O. Iavazzo – Ass. Centro Storico
R. D’Ambrosio – Circolo PD Cassano delle Murge
Mane MLamine – Res. Centro Storico – Senegal

 

 

Centro storico: storia, cultura, valorizzazione

Bisogna conoscere le reali difficoltà per dare una risposta concreta al problema.
“Le persone che lavorano insieme in una comunità forte con un obiettivo condiviso e uno scopo comune possono rendere possibile l’impossibile.” -Vilsak-
Ne parliamo martedì 27 luglio alle h 19.00 in sala consiliare. A causa dei posti limitati per le restrizioni legate al Covid, sarà possibile seguire la discussione tramite la diretta Facebook o intervenire in remoto richiedendo il link di accesso.

CUSTODIAMO TURISMO E CULTURA IN PUGLIA

Dal 21 luglio e fino al 30 settembre si può fare richiesta per i contributi di sostegno al mondo della Cultura e del Turismo.Partecipate e diffondete.Custodiamo la cultura in Puglia 2.0, 6 milioni per le PMI della cultura e del turismo. Bando aperto fino al 30 settembre.Un ottimo lavoro dell’assessore Massimo Braì e di Aldo Patruno e Puglia Promozione.

Continua a leggere

l’On. Alessandro ZAN a Bari

Il 19 luglio, presso la Mongolfiera – Japigia (Bari) un partecipato incontro con l’onorevole Alessandro Zan. L’incontro, moderato da Michele De Feudis (giornalista de “La Gazzetta del Mezzogiorno”) ha visto la partecipazione dell’on Marco La Carra e Titti De Simone (Consigliere Presidente Regione Puglia).

Nella foto la Coordinatrice Enza Battista con Marco La Carra, Ubaldo Pagano e Alessandro ZAN

Continua a leggere

Dimensionamento scolastico, l’appello del Pd alla sindaca Di Medio

In questi giorni, in seno alla Giunta Regionale pugliese, su indicazione dell’assessore della Regione Puglia Leo, sono state approvate le nuove linee guida per il dimensionamento scolastico 2022/2023 e programmazione dell’ offerta formativa del triennio 2022/2023 , 2023/2024, 2024/2025.

«A garanzia della massima collaborazione, in termini di governance condivisa e partecipata – spiega in una nota la Coordinatrice del Circolo PD di Cassano delle Murge,

Vincenza Battista – a tutti i Comuni  che intendono presentare una richiesta all’ interno del piano da quest’anno è stato chiesto di redigere il Documento Preliminare alla Programmazione Scolastica( Dpps), con cui descrivono il proprio sistema scolastico ed educativo e le azioni da mettere in campo sul sistema scuola locale, secondo una visione organica e di lungo periodo.Tutto questo entro il 5 Agosto.

Continua a leggere